Carpaccio di manzo scottato con salsa alla menta e tortino di patate

1085492_551518098217289_1820039111_n[1]

Stasera carpaccio! si, ma non il solito carpaccio, cerchiamo di renderlo favoloso e un piatto unico.

E’ facile da cucinare, può essere preparato in anticipo, se ne preparate troppo potete fare dei gustosissimi panini.

Io uso esclusivamente il filetto, non potrei immaginare altro!

 

Ingredienti:

250 g di filetto di manzo

4 cucchiai di olio evo

sale e pepe

aceto di mele

Foglie di misticanza,  erba cipollina e basilico freschissimi.

 

Per la salsa:

1 cucchiaio di senape

1 cucchiaio di foglie di menta fresca tagliate fini e poi tritate

1 cucchiaio di olio evo

1 cucchiaio di aceto balsamico

 

Per il rosti di patate:

2 patate

1 cipolla olio evo sale  e pepe

 

Spennellate la carne con olio, sale e pepe. Scaldate una padella antiaderente e scottate velocemente la carne su tutti i lati.

Mettete la carne in freezer arrotolata con pellicola per 1 ora.

Preparate la salsa mescolando in una ciotola tutti gli ingredienti e fino a che non saranno amalgamati bene.

Tagliate la carne con una affettatrice, in modo da rendere le fette sottilissime. Conditele con olio, sale  e pepe.

Preparate il tortino di patate: grattate le patate e asciugatele, tagliate la cipolla e unitela alle patate, salate il tutto e ungete una padellina anti aderente con olio evo. Mettete sulla padella calda un mucchietto di patate e cipolle e schiacciate con una spatola fino che il lato sotto si staccherà e sarà abrustolito. Giratele e continuate la cottura fino a doratura.

 Servite la fette di carpaccio su una base di misticanza e erbe aromatiche condite con olio evo, aceto di mele, sale e pepe. Accanto appoggiate un cucchiaio di salsa alla menta. 

Annunci

Gamberoni grigliati con lime, peperoncino e burro

imagesCAT8JVJ8

 

Ciao a tutti!

Sembra che l’estate sia arrivata, finalmente!:-)

Oggi farò una bella grigliata in giardino, ho voglia di  piatti freschi e gustosi,  sono curiosa di provare il mio nuovo grill!!!!

Per iniziare ho pensato a questa ricettina facilissima che accompagnata ad una freschissima birra darà il massimo del suo sapore!

Iniziamo:

 

Ingredienti:

500 g di gamberoni

30 g di burro fuso

2 cucchiai di olio EVO

2 spicchi di aglio schiacciati

1 peperoncino fresco, privato di semi e tritato

1 lime

sale e pepe

 

Incidete ogni gamberone sul dorso per poterlo aprire a ” farfalla”, togliete sotto l’acqua il budello e asciugateli tutti con un panno.

Mescolate i gamberoni con olio, burro fuso, aglio, peperoncino, sale e  pepe.

Cuoceteli per massimo due minuti sul grill, serviteli spruzzati con il succo del lime.

Filetto di manzo con olio aromatizzato alle erbe aromatiche

973485_519936981375401_403668436_n[1]

Buona sera sotto la pioggia !!:-(

Meglio non pensare al tempo, pensiamo a mangiare che è decisamente meglio!:-)

Oggi vi propongo un’idea semplice, gustosa e saporita che darà molta gioia ai carnivori: il filetto!

 

Ingredienti :

Filetto di manzo

scalogno e sale grosso

1 rametto di rosmarino

olio EVO

erbe aromatiche miste: rosamrino, salvia, maggiorana, origano…

1 scalogno tagliato a metà e sbucciato

 

Scaldate una piastra rovente con sopra del sale grosso, del rosamrino e dello scalogno a pezzi.

Quando la piastra o la griglia saranno ustionanti, appoggiate il filetto e cuocetelo un paio di minuti per parte.

Spegnete la piastra e appoggiate il filetto sopra  una carta stagnola, chiudetelo,  e fategli spurgare i liquidi.

Avrete preparato l’olio alle erbe,  il giorno prima:

Mettete in una teglia da forno l’olio ( circa 1/2 litro )  e tutte le erbe con lo scalogno e accendete il forno a 60 gradi, lasciate l’olio  per 3 ore poi

filtratelo e servitelo sul filetto.

Una vera delizia!!!

 

 

Cosciotto di agnello al forno

Piatto pasquale per eccellenza!!! 
Si descrive da solo! 

Ingredienti
1 cosciotto di agnello di circa 2 kg
4 rametti di rosmarino
6 spicchi di aglio
100 ml di olio EVO
Sale e pepe

Accendete il forno a 200°.
Ungete bene il cosciotto con olio EVO massaggiandolo bene.
Fate dei piccoli taglietti con un coltello affilato e inserite nei tagli rametti di rosmarino e qualche spicchio di aglio (circa 2 tagliati a metà).
Adagiate il cosciotto nella teglia e salate e pepate.
Schiacciate i restanti spicchi di aglio in camicia e adagiateli nella teglia, coprite con un foglio di alluminio e infornate, cuocendo per 30 minuti.
Eliminate quindi il foglio di alluminio e proseguite la cottura per altri 50 minuti.
Servitelo ben caldo con patate arrosto, purea di patate e carciofi saltati in padella con aglio e mentuccia!

Cosciotto di tacchino ripieno

Sono anni che guardo film e vedo degli spettacolari tacchini ripieni che popolano le tavole di inglesi e americani… insomma quest’anno lo voglio provare anch’io!
Ma ovviamente lo faccio all’italiana 😉

Ingredienti
1 coscia di tacchino da 1 kg
150 g di macinato di maiale
100 g di castagne lesse
40 g di parmigiano grattato
1 uovo intero
1 arancia
1 rametto di salvia
Olio EVO
500 ml di latte intero fresco
2 scalogni
2 cucchiai di farina
Sale  e pepe

Amalgamate il macinato con 50 g di castagne tritate fini, la scorza dell’arancia, il parmigiano, l’uovo intero, 3 foglie di salvia, sale e pepe.
Incidete la coscia del tacchino e inserite il preparato all’interno, dategli la forma di un salame e legate le estremità, possibilmente con ago e filo.
Passate il cosciotto nella farina e poi fatelo rosolare in una padella con un po’ di olio evo, trasferitelo in una pirofila da forno.
Eliminate l’olio di cottura e versate, sempre nella stessa padella, un cucchiaio di olio, gli scalogni affettati fini, 50 g di castagne e versate il latte, insaporite con sale e  pepe.
Fate restringere un po’ la salsa e poi versatela sul cosciotto, cuocete il tutto in forno a 170° per 50 minuti circa.
Servitelo a fette accompagnandolo con la sua salsa.

Filetti di orata con radicchio al lardo su crema di cannellini

Buon giorno, ieri sera ho preparato questi filetti di orata, sono veramente meravigliosi!
vi consiglio di prepararli durante queste feste, farete un fi-gu-ro-neee!!

Ingredienti
3 orate da circa 500 g l’una(pulite  e sfilettate)
200 g di cannellini (lasciati in ammollo per un giorno)
3 cespi di radicchio tardivo
5 fette di lardo
2 fettine sottili di speck
1 scalogno
Olio EVO
Sale e pepe
1 foglia di alloro

Cuocete i fagioli in acqua bollente e salata, con l’alloro e lo scalogno, per circa 1 ora.
Frullateli con sale e pepe e una parte di liquido di cottura, riportate sul fuoco a fiamma bassa.
Fate soffriggere lo scalogno tagliato sottile e lo speck nell’olio evo, tenete da parte l’olio che metterete nella crema di cannellini.
Pulite il radicchio, tagliatelo a metà e mettetevi sopra una fetta di lardo e un pizzico di sale  e pepe, chiudete i radicchi in carta forno bagnata e strizzata e infornateli per 40 minuti a 150°.
Tagliate a metà i filetti di orata metteteli in una pirofila con qualche goccia di olio evo e infornate per 10 minuti a 210°.
Impiattate mettendo la crema di cannellini sul fondo del piatto, l’orata e sopra ad essa il radicchio stufato.

Luccio in salsa mantovana con polenta

Questo è il piatto che in assoluto amo di più della tradizione mantovana.
E’ favoloso servito con la polenta brustolita!
E’ il piatto più appetitoso che esista al mondooooooo!

NB:Mi raccomando: usate dei lucci pescati e non di allevamento.

Ingredienti
2,5 kg di luccio (pulito e lavato con del sale grosso nella pancia)
Un brodo con: alloro, carota, sedano,c ipolla, 3 bacche di ginepro, 2 chiodi di garofano, 7-8 grani di pepe, 1 bicchiere di vino bianco. Lasciate bollire il tutto 10 minuti.
Acciughe e capperi in uguale quantità (a vostro piacimento)
Peperoni sott’olio (quantità a vostro piacimento)
Olio EVO
Limone, sale e pepe

Quando il brodetto sarà pronto, tuffatevi il luccio e lasciatelo cuocere finché sarà tenero.
Tritate le acciughe e i capperi.
Sbattete il  succo di mezzo limone con l’olio sale e il pepe (l’olio deve essere circa una tazza).
Spolpate il luccio e mettetela in un piatto, copritelo con la salsa di acciughe, i peperoni e l’emulsione di olio e limone in quantità equilibrata.
Servitelo almeno 12 ore dopo, con la polentaaaaaa!